pexels-photo-1161682
ALICE VEGLIO

I CARBOIDRATI: ASSUMERLI SENZA PAURA MANTENENDOSI IN FORMA!

I CARBOIDRATI: ASSUMERLI SENZA PAURA MANTENENDOSI IN FORMA!

Il segreto è preferire i carboidrati complessi e gli zuccheri semplici naturali agli zuccheri semplici raffinati. I carboidrati complessi sono molecole collegate in lunghe catene di legami chimici che si trovano nei legumi, nella pasta integrale, nei cereali, nelle verdure; nella maggior parte dei casi hanno un moderato contenuto calorico, pochi grassi e molte fibre. Lo zucchero dei carboidrati complessi entra in circolo in un tempo relativamente lento e pertanto non altera significativamente il livello di glucosio ematico e produce un durevole senso di sazietà.
I carboidrati semplici invece sono molecole singole o doppie. Si trovano nello zucchero da tavola e nei prodotti che subiscono un processo di lavorazione industriale, come le bibite ma anche in certi alimenti naturali, per esempio nella frutta.
I carboidrati semplici che li troviate in una papaya o in una bibita gassata, vengono assorbiti rapidamente e mandano istantaneamente alle stelle lo zucchero ematico, che precipita subito dopo abbandonandovi alla stanchezza e alla fame. Esiste però una differenza sostanziale tra gli zuccheri semplici naturali (della frutta) e quelli raffinati (delle caramelle).
Quando mangiate una papaya, insieme allo zucchero vi arrivano anche le vitamine, minerali, acqua e fibre. Inoltre il sapore dolce della frutta deriva dal fruttosio (diverso dal saccarosio o dal glucosio degli zuccheri semplici), e il fruttosio non produce il picco insulinico determinato dagli zuccheri semplici. In generale quindi mangiate la minor quantità possibile di cibi che hanno subito processi di lavorazione industriale. Scegliete una mela piuttosto che un succo di mela, pane integrale piuttosto che pane bianco.
Leggete attentamente le etichette e scoprirete da dove provengono gli zuccheri raffinati di cui è farcita la vostra dieta. I cereali per la colazione possono essere composti per il 42 per cento di zuccheri. Gli yogurt alla frutta non sono da meno. Ricordate infine che lo zucchero viene presentato in molte forme ovvero come sciroppo, miele, maltodestrine, saccarosio e con altri termini che finiscono in –osio.

 

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email